• Home/
  • Calendario
  • / L'Italia e il «militare». Guerre, nazione, rappresentazioni dal Rinascimento a oggi

L'Italia e il «militare». Guerre, nazione, rappresentazioni dal Rinascimento a oggi

11.12.2014 | Presentazione volume | Aula Magna Sant'Anselmo

Ciclo di conferenze "Spazi per pensare" - Incontri di storia

 

 

 

Iniziativa del Dipartimento di Scienze umane e sociali

 

Alle ore 14.30

 

Il volume si caratterizza per una duplice scelta, di oggetto e di periodizzazione, e per la sua aspirazione a tentare di rispondere a una domanda. La prima scelta è stata quella di assumere a proprio oggetto una parola chiave: 'il militare', un sostantivo che copre ampi territori tematici che non si restringono né alle sole istituzioni né al solo mestiere delle armi, alludendo piuttosto a una complessa serie di relazioni fra queste e la società.

 

La seconda scelta ha portato il volume a proporsi di avvicinare il suo oggetto da una prospettiva di lungo periodo, che abbraccia almeno cinque secoli di storia della Penisola, dal Rinascimento a oggi. V'è, infatti, la convinzione che per capire 'il militare' - le sue discontinuità, ma anche le sue lunghe continuità - visioni di più breve periodo non darebbero risultati soddisfacenti.

 

La domanda cui si tenta di offrire qualche risposta è la seguente: è possibile che nella storia nazionale il "militare" abbia contato così poco, al punto da essere apparso un oggetto quasi residuale? Nel libro il "militare" è individuato nel ruolo giocato dapprima entro il teatro frammentato degli antichi Stati italiani, successivamente durante le complesse fasi di aggregazione dall'età liberale a quella fascista, fino al periodo repubblicano.

 

 

Interverranno:

 

Nicola Labanca, Università degli Studi di Siena, presidente del Centro interuniversitario di studi e ricerche storico-militari

 

Paolo Soddu, Università degli Studi di Torino, ricercatore e docente di Storia contemporanea

 

Paola Bianchi, Università della Valle d'Aosta, membro del Centro interuniversitario di studi e ricerche storico-militari

 

 

L'iniziativa è organizzata in collaborazione con la Fondazione "Luigi Firpo" di Torino e con il Centro Studi Reggia di Venaria.