fbpx

FAQ – Emergenza Covid-19

La Biblioteca di Ateneo rimane chiusa al pubblico da lunedì 29 marzo fino a nuova comunicazione, ma continua ad offrire alcuni servizi: abbiamo raccolto qui una serie di domande per aiutare gli utenti a conoscere ed utilizzare i servizi che rimangono o tornano gradualmente accessibili anche durante la chiusura.

Posso venire in Biblioteca? 

No: la Biblioteca in questo momento è chiusa al pubblico. Puoi però fare una richiesta di prestito tramite il catalogo online e prenotare l’appuntamento per venire a ritirare i libri che ti servono: consulta la FAQ “Come funziona il servizio di prestito su prenotazione?”.

Come funziona il servizio di prestito su prenotazione?

Ecco i passaggi da seguire per prendere in prestito il materiale di cui hai bisogno:

  • Cerca sull’OPAC (catalogo online) della Biblioteca i libri che vuoi prendere in prestito, inserendo le parole chiave che ti interessano nel monocampo di ricerca ed eventualmente attivando la ricerca avanzata per combinare le funzioni di ricerca per autore, titolo e altri campi
  • Quando hai trovato il volume che ti serve, clicca sul titolo per aprire la scheda del documento: potrai verificare quante copie possiede la Biblioteca e se sono disponibili per il prestito
  • Se il documento risulta disponibile, clicca su “Richiesta di prestito” ed inserisci le credenziali di Ateneo: il volume rimarrà riservato a tuo nome per 5 giorni lavorativi, compreso quello in cui hai effettuato la richiesta (ad esempio, se la fai lunedì, resterà attiva fino a venerdì, se invece la fai giovedì, resterà attiva fino a mercoledì perché sabato e domenica, considerati giorni non lavorativi per la nostra Biblioteca, non contano).
  • Se il volume risulta già in prestito oppure “riservato fino al…”, clicca su “Prenotazione documento”: appena il libro sarà nuovamente disponibile, te lo comunicheremo perché tu possa venire a ritirarlo.
  • Quando hai effettuato la richiesta per tutti i volumi disponibili che ti interessano, prenota qui l’appuntamento per il ritiro (dovrai inserire le tue credenziali di Ateneo). Abbiamo impostato un anticipo minimo di 24 ore per la prenotazione dell’appuntamento, per essere sicuri di farti trovare i libri pronti; se hai urgenza di ritirare i volumi il giorno stesso, contatta telefonicamente la Biblioteca (0165 1875250) per verificare se è possibile il ritiro anticipato. Potrai prenotare l’appuntamento dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 18.00 (solo per il lunedì, il primo appuntamento possibile è alle 9.00).
  • Il giorno fissato per il ritiro, vieni nella sede di Strada Cappuccini indossando la mascherina, misura la temperatura corporea all’apposita colonnina e presenta la carta di Ateneo o un documento di identità agli uscieri, che ti consegneranno la busta con i libri che hai richiesto. Segui le indicazioni per l’uscita, che avviene dall’uscita di sicurezza in fondo al corridoio.
  • Ti ricordiamo che il prestito dei libri ha la durata di un mese, prorogabile di ulteriori 15 giorni in assenza di prenotazioni da parte di altri utenti.
  • Fino a nuova comunicazione, il periodo di prestito dei testi d’esame, del materiale audiovisivo e dei fascicoli di periodici è prolungato a due settimane invece di una, per evitare eccessivi spostamenti degli utenti.
  • Per la restituzione, deposita i volumi nel box rosso, che al momento è collocato nell’atrio della sede di Strada Cappuccini, davanti alla porta vetri che dà accesso al corridoio principale. Ricorda che il box è accessibile solo negli orari di apertura della sede: dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 18.00.
  • Se devi prendere in prestito dei libri, ma hai già in prestito il numero massimo di documenti previsto, per cui devi nello stesso momento restituire dei libri e prenderne in prestito altri, ti chiediamo di contattare prima la biblioteca per concordare l’appuntamento, in modo che quando arrivi possiamo scaricare i libri che restituisci per poi registrare il prestito di quelli che hai richiesto.
  • Dopo la restituzione, i libri rimarranno in isolamento per 72 ore prima di tornare disponibili: se trovi sull’OPAC la dicitura “riservato fino al…”, significa che il volume è rientrato dal prestito ma si trova ancora in isolamento fino alla data indicata: puoi effettuare la prenotazione e prevedere il ritiro del volume a partire dal giorno successivo.

Ho dei libri da restituire: come posso fare?

Abbiamo prorogato tutte le scadenze successive al 29 marzo al 12 aprile per i testi d’esame e al 30 aprile per gli altri libri.

Il box rosso per la restituzione dei documenti è collocato all’ingresso della sede di Strada Cappuccini: tutti gli utenti che hanno la possibilità di raggiungere la sede o di delegare una persona di loro fiducia potranno quindi restituire i documenti in loro possesso depositandoli nel box negli orari di apertura della sede, dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 18.00.

Agli utenti impossibilitati a venire fisicamente ad Aosta per la restituzione, ricordiamo che è comunque possibile spedire il materiale da restituire con un plico raccomandato: l’Università continua a ricevere regolarmente consegne di posta e pacchi.

Devo compilare la liberatoria per una domanda di laurea, di trasferimento o di rinuncia agli studi, ma ho dei libri in prestito: come devo comportarmi?

Se ti trovi in questa condizione, ti chiediamo di contattare la Biblioteca prima di compilare il modulo di liberatoria online, in modo da concordare tempi e modalità di restituzione dei materiali che hai in prestito: ricordiamo che in caso di difficoltà a raggiungere la Biblioteca, è sempre possibile rispedirli per posta, con spedizione raccomandata o con corriere ed utilizzando una busta imbottita.

Quando riaprirà la Biblioteca?

La riapertura dei locali al pubblico dipenderà dall’evolversi della situazione sanitaria e delle conseguenti misure di contenimento adottate a livello nazionale e regionale. Valuteremo e metteremo sempre in atto tutte le misure necessarie a tutelare la salute e la sicurezza del personale e degli utenti: man mano che avremo aggiornamenti su tempi e modalità di riapertura dei servizi, li comunicheremo sul sito di Ateneo e per email.

Cosa cambia per la consultazione delle banche dati online in abbonamento?

Per accedere alle banche dati online in abbonamento da casa, le modalità sono differenti a seconda della tipologia di risorsa e di utente:

  • nella sezione dedicata alle risorse online trovi suggerimenti su numerose risorse online ad accesso libero, per le quali non è necessaria alcuna forma di autenticazione, o in abbonamento, accessibili mediante connessione vpn o utilizzo di credenziali; sulla pagina Emergenza Covid-19, in costante aggiornamento, potrai trovare informazioni su ulteriori risorse, accessibili solo durante il periodo di emergenza.
  • Le modalità di accesso alle banche dati online in abbonamento sono diverse se sei un laureando (cioè se hai già concordato con un docente l’argomento della tua tesi) o se sei uno studente che non sta ancora lavorando alla tesi. Nel primo caso, puoi accedere mediante vpn a tutte le banche dati in abbonamento, dopo esserti autenticato con le credenziali di Ateneo: se non l’hai ancora fatto, compila online l’autodichiarazione dello status di studente laureando e ti invieremo per email le istruzioni per scaricare e configurare il software necessario per usufruire di questa modalità. Lo stesso vale per docenti e collaboratori all’attività didattica e di ricerca, che possono richiedere l’abilitazione all’accesso da remoto mediante vpn con una semplice email. Se invece sei uno studente e non stai ancora lavorando alla tesi, al momento puoi accedere alle piattaforme Rivisteweb ed EBSCOHost con le credenziali che sono state comunicate dalla Biblioteca (se le hai perse, è sufficiente che tu ce le richieda con una email) e alla piattaforma JSTOR utilizzando il link collocato nell’area riservata MYUNIVDA, nella sezione Biblioteca/Banche dati online. Puoi inoltre accedere alle risorse aggiuntive elencate nella pagina Emergenza Covid-19, secondo le modalità specificate di volta in volta.

Non hai mai utilizzato le banche dati online? Scopri qui come orientarti

Puoi scaricare la Guida alle ricerche bibliografiche che, dopo un’introduzione dedicata alla differenza tra diversi tipi di documenti, spiega come utilizzare al meglio l’OPAC (catalogo online) della nostra Biblioteca e le tre piattaforme di accesso alle banche dati in abbonamento (Rivisteweb, JSTOR ed EBSCOHost).

Se sei uno studente laureando e stai iniziando a cercare materiale per scrivere la tua tesi, puoi scaricare il Vademecum per le ricerche per la tesi, che può aiutarti ad orientarti nella ricerca di materiale.

Cosa sono e cosa contengono le banche dati online in abbonamento?

Le banche dati online sono grandi “contenitori” di materiali in formato digitale, principalmente articoli pubblicati su riviste scientifiche e capitoli di libri, ma anche tesi di dottorato, rapporti di ricerca e altre tipologie di documenti. Alcune di esse raccolgono materiali liberamente accessibili, mentre per altre è necessario che l’Università sottoscriva un abbonamento per poter consultare i materiali che i diversi editori rendono disponibili: in questo caso per accedere occorre connettersi dalla rete di Ateneo (oppure connettersi da remoto mediante vpn, possibilità attualmente riservata a docenti, collaboratori e studenti laureandi), oppure inserire un set di credenziali che permettano di essere riconosciuti come utenti autorizzati.

Le risorse in abbonamento della Biblioteca di Ateneo si trovano su tre diverse piattaforme:

  • Rivisteweb è l’archivio digitale che raccoglie tutte le riviste pubblicate dall’editore Il Mulino. L’interfaccia di ricerca è molto semplice e puoi scaricare il pdf degli articoli a partire dall’annata 1997. Sulla stessa piattaforma puoi visualizzare anche le riviste pubblicate dall’editore Carocci, ma la nostra Biblioteca ha sottoscritto l’abbonamento a questa specifica sezione solo nel 2015, per cui solo per quell’annata è disponibile il full-text degli articoli: per le altre annate sono disponibili solo i dati bibliografici e l’abstract. Durante il periodo di emergenza, tutti gli utenti UniVdA, anche quelli non abilitati alla connessione mediante vpn, possono accedere alla piattaforma, utilizzando il link temporaneo e le credenziali da richiedere alla Biblioteca. Gli utenti abilitati all’accesso mediante vpn possono continuare ad utilizzare il solito link, senza necessità di inserimento credenziali.
  • JSTOR è un archivio interdisciplinare ed internazionale, che raccoglie articoli e libri pubblicati da editori di tutto il mondo, in genere a partire dal primo anno di pubblicazione e, nella maggior parte dei casi, con un moving wall che può variare da uno a sette anni: il testo pieno degli articoli non è quindi scaricabile per le annate più recenti. La nostra Biblioteca è abbonata solo ad alcune delle collezioni di periodici, ma durante questo periodo di emergenza (fino al 30 giugno 2021) i gestori della piattaforma hanno aperto l’accesso a tutte le collezioni di periodici. Docenti, collaboratori e studenti laureandi possono accedere mediante connessione vpn, mentre per tutti gli altri utenti è possibile accedere da remoto utilizzando il link collocato nell’area riservata MYUNIVDA, nella sezione Biblioteca/Banche dati online.
  • EBSCOHost è la piattaforma tramite la quale è possibile interrogare simultaneamente tre diverse banche dati:
    • PsycINFO, curata dalla American Psychological Association (APA), è una banca dati bibliografica che ti permette di individuare articoli pubblicati sulle più prestigiose riviste di ambito psicologico, ma non dà accesso al testo pieno degli articoli
    • PBSC (Psychology & Behavioral Sciences Collection) permette invece di scaricare il testo di molti articoli, sempre in ambito psicologico
    • ERIC (Education Resources Information Center), curate dallo Institute of Education Sciences of the U.S. Department of Education, raccoglie materiali relativi all’istruzione e permette di scaricare il testo degli articoli

La piattaforma EBSCOHost è direttamente accessibile per gli utenti abilitati all’accesso da remoto mediante vpn, mentre per tutti gli altri e fino al termine delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria, sarà possibile accedere con le credenziali da richiedere alla Biblioteca.

Salva